Riappropriazione del nome

Riappropriazione del nome_quartattenzione.net

Oggi, onorevole uomo vivo in corpo vivente di carne ossa e sangue che al momento presente stai leggendo questo post, provo a chiarire alcuni passaggi in merito alla riappropriazione del nome tramite la tua dichiarazione.

Prima però, ecco il solito avviso di rito.
Se non hai letto i primi 12 post di questo blog non andare oltre, pena il totale fraintendimento di quanto sto per scrivere. Inoltre e ancora: puoi usare queste informazioni a tuo piacimento ma in totale, completa illimitata responsabilità, sempre e solo in onore onestà e rettitudine di intenzioni e azioni.

Premessa sul nome:cognome

Una premessa è d’uopo. Per quanto il tuo nome sia originale e il co-gnome lo possa essere altrettanto, c’è, con ogni probabilità, qualcun altro sulla faccia della terra che ha il tuo stesso nome:cognome. Quindi ricorda che se vuoi procedere con la riappropriazione del nome e riappropriarti di tutti gli indicativi che riportano a te, il nome e il cognome sono solo un aspetto.
Un altro uomo potrebbe essere conosciuto-detto con lo stesso suono delle parole che indicano te, ma certamente non occuperà lo stesso identico spazio-tempo nel quale tu ti manifesti ora e non ha vissuto esattamente lo stesso tempo lineare sequenziale che tu hai vissuto. In due parole non avrà la stessa età.
Inoltre entrambi siete conosciuti-detti con il suono delle parole nome:cognome, ma non siete il nome:cognome. Per indicare te e non il tuo omonimo, sarà inoltre necessario indicare il luogo e il tempo della tua venuta al mondo e molte altre cose, come discusso in altri post.

Quindi, solo dopo tutto questo laborioso gioco di puntualizzazione, qualcuno potrebbe dire con un certo grado di sicurezza che sta indicando proprio te, avendo messo insieme tutte le informazioni summenzionate. Per questo motivo un cartolina dalle isole dei Caraibi ha ancora, nonostante “Poste Italiane”, qualche possibilità di arrivare fino a te.

Il Dono

Detto ciò, tempo fa è nato un problema di non trascurabile entità. Alcuni esseri senza scrupoli ma di grande conoscenza e fraudolenza, hanno pensato bene di farti un regalo, un dono. Ti hanno assunto nella loro società di diritto privato, o meglio ti hanno fatto diventare socio azionista di questa società di diritto privato incorporandoti a essa. Bontà loro, poiché tu non avevi i mezzi per comprarti delle quote di questa società, hanno pensato bene di impegnare tutti i tuoi averi, o meglio di capitalizzarli, così che tu potessi infine versare la tua quota di partecipazione. Questi averi hanno presto riguardato anche il tuo corpo in carne ossa e sangue.

Società a tuo nome

Questi esseri senza scrupoli hanno prima creato una SOCIETÀ di diritto privato in parvenza di legge che hanno chiamato STATO, GOVERNO. Successivamente hanno incorporato a essa un’altra piccola società di diritto privato intestata a tuo nome che hanno creato ad hoc proprio per te. Hanno stabilito la sede di questa piccola società a casa tua e infine, con mirabili quanto disonorevoli sotterfugi, hanno fatto in modo che tu ti identificassi con quella società. Il capitale di quella piccola società (piccola ma dal grande valore) sei tu in carne ossa e sangue. Come accennavo qualche riga innanzi, questa è stata incorporata alla mamma-matrigna, quella che hanno chiamato STATO.

Non del tutto paghi, hanno fatto sì che tu ti identificassi con la società matrigna STATO quale suo cittadino, hanno instillato in te il patriottismo, nazionalismo con vari strumenti tra i quali è doveroso ricordare il calcio o le olimpiadi?

Infine, così come spesso le colpe dei padri ricadono sui figli, quando la società matrigna ha iniziato ad avere dei problemi finanziari, si è rivolta alle piccole società incorporate per venderle una ad una e riassestare le sue finanze.

Consenso

Ecco che arriviamo al dunque. Questi esseri disonorevoli, nel fare tutto ciò, non ti hanno informato di nulla, ma solo al completamento del loro diabolico piano, ti hanno chiesto il consenso. Certo è che, se qualcuno ti chiedesse, seppur gentilmente, il permesso di mettertela inimprecazione_shhh_quartattenzione.net, tu tale consenso non lo daresti. Ecco che allora nel chiederti tale consenso, questi loschi individui, non ti hanno esplicitamente palesato la situazione reale. Ti hanno solo chiesto di mettere una firmetta qua e là, dicendoti il meno possibile sui “perché ed i percome”. Anzi, facendoti sentire un idiota che fa domande a sproposito ogni volta che hai chiesto chiarimenti. Sono stati così in gamba da formare e istruire i loro agenti, impiegati ad agire come se fosse stato loro tutto chiaro e lampante, mentre il valore e l’effetto del loro operato restava occulto.
Così, frammentando adeguatamente l’informazione, schiere di “burosauri” hanno agito (agiscono) sapendo tutto nel loro specifico ambito operativo, ma assolutamente nulla sullo scopo e sul contesto di quel torrente di burocrazia che passava (passa) dalle loro mani. Nessuno vedeva (vede) la sorgente del fiume e il mare dove questi sfociava (sfocia).
Nessuno vede che la sorgente è la propria energia vitale, il proprio corpo, i propri averi, e il mare-abisso di denaro e potere accresciuto ogni giorno, da quei mille fiumi di consensi disinformati ottenuti con la frode.

Agire

Se oggi sei qui a leggere questo blog, vuol dire che a un tratto ti sei reso conto che qualcosa proprio non va e hai deciso di agire, diversamente dalla massa di primati umani che si limita a vomitare ogni giorno fiumi di lamentele.

Da uomo saggio quale sei, prima di agire hai pensato di mettere a fuoco il problema, piuttosto che buttarti spada tratta in una caotica battaglia. Quello che oggi stiamo facendo io e te è appunto focalizzarci su uno specifico aspetto di questo problema. Ovvero il fatto che qualcuno potrebbe (uso il condizionale per delicatezza) aver commerciato il tuo corpo, quello dei tuo figli, i vostri averi, ed essersi arricchito a vostro discapito lasciandovi solo tanti debiti da pagare.

Ecco che il grande mistero del debito pubblico è svelato. Il “primario pubblico debitore” è la finzione giuridica, persona che è stata commerciata a vario titolo. Il primario creditore è l’uomo vivo in carne ossa e sangue che è anche quel corpo di carne ossa e sangue, oltre che corpo-mente-spirito sorgente del “capitale umano“, e del capitale in averi ad esso collegato.

Primary creditor

Tuttavia, se il primary creditor, che è l’uomo, non si fa avanti a vantare i sui crediti, allora ecco che intervengono i secondary creditor, quelli che hanno comprato pezzi di quel capitale umano e lo vogliono liquidato. Ah, tra parentesi, così come una società viene messa in liquidazione, anche le persone subiscono la stessa sorte. Malauguratamente l’uomo che si identifica in una persona, può essere liquidato con essa. Infatti, anche nel gergo dei film sui servizi segreti si sente dire spesso che un dato nemico è stato “liquidato”. Cosi’ pure nei film di mafia, quando un uomo viene giustiziato, il sicario pronuncia il nome della vittima ad alta voce e questa, identificata con quel nome di persona, si volta giusto in tempo per prendersi una fucilata, liquidato anche esso!

Oggi devi avere pazienza, poiché divago più del solito ma la necessità di rendere questi concetti chiari mi obbliga a mettere molte parentesi.

Riappropriazione del nome

Pertanto in queste condizioni hai la necessità di riappropriati del tuo nome (riappropriazione del nome)  e di rispedire al mittente tutte quelle società istituite su quel nome che indica te, create senza il tuo consenso informato e la tua partecipazione. Così facendo separi la società MARIO ROSSI, creata a tua insaputa, “domiciliata” a casa tua, intestata a te, stracolma di debiti, dal nome mario rossi con il quale sei conosciuto-detto. Capito il meccanismo, indirizzerai la tua dichiarazione a quegli esseri disonorevoli, più facilmente ai loro agenti, che hanno creato tale società MARIO ROSSI, affermando in piena verità che il nome:cognome con il quale sei conosciuto detto e quella società non sono minimamente correlati e tu non ne sei l’intestatario.
Allora tutto il denaro creato sul “capitale umano” che è il tuo corpo vivo in carne ossa e sangue e tutto il denaro creato sul capitale dei tuoi averi, non potrà più essere contabilizzato come obbligazione, bond, capitale della società MARIO ROSSI e i debiti di quella società li dovrà pagare la corporation, STATO, che l’ha istituita.

Pagamento dei debiti

Il gioco però non è terminato perché a questo punto ti puoi chiedere a chi dovranno essere pagati tali debiti…ovviamente a te. Tu hai messo il capitale, tu sei la garanzia di tutto il valore creato, del denaro che lo rappresenta, tu sei la sorgente.

In caso di fallimento…

C’è un però, però! Cosa accade se la corporation, la società matrigna è fallita? Senza entrare nel merito della pretesa disciplina fallimentare, tutti i beni di tale SOCIETÀ vengono venduti per coprire i debiti della medesima. E cosa accade se viene alla luce che i beni di questa non erano i suoi beni ma averi sottratti indebitamente ad altri? Succede che non si possono vendere capitali che non appartengono a tale SOCIETÀ. E cosa succede se tale società viene dichiarata nulla e annullata nunc pro tunc (vedi l’azione di OPPT)? Succede che bisogna andare a prendere per le orecchie chi ha istituito detta SOCIETÀ e chiedere a lui o loro di pagare.

Conclusione

In sostanza, per oggi concludo, tu vorrai riappropriarti di tutti gli identificativi che riportano a te, in primis con la riappropriazione del nome, e di tutti i documenti e/o contratti che riconducono a tali identificativi. Tuttavia, userai questi contratti non già per onorarli, visto che non sei stato tu a “contrarli” (ma altri usando indebitamente il tuo nome), bensì per esporli quale prova della frode attuata a tuo danno.

L’atto di nascita, sebbene contenga molti tuoi identificativi, è la registrazione di un contratto che ha sancito l’istituzione di una finzione giuridica creata a tua insaputa per capitalizzare il tuo neonato corpicino in carne ossa e sangue. Una frode diabolica che ha venduto il corpo-mente al diavolo, per parafrasare, ancorché l’anima. E dico corpo-mente perché, anche trascurando la questione sulla inseparabilità di questi, dal momento in cui hai iniziato a credere di essere una persona sei divenuto quella persona, quella merce.

public financing statement
Se vuoi avere degli esempi di Dichiarazione di piena verità visita:

public financing statementpubbliche-azioni

About mila solaris

Un uomo può davvero parlare di se come se si conoscesse? Solo una cosa non è mai cambiata in tanto tempo e questo è un aspetto vero e reale: ho camminato sulla via della conoscenza, sempre. Talvolta distratto dalla mondanità, è innegabile…come tutti sanno tira più un pelo di figa che un carro di buoi, ma io son passato subito ai motori a scoppio e quindi forse questo mi ha salvato! https://quartattenzione.net/about-quarta-attenzione/mila/

3 comments on “Riappropriazione del nome

  1. linda

    buongiorno, volevo chiedere se queste procedure sono le stesse di cui parla popolo unico da diversi anni. legale rappresentanza, esistenza in vita etc… grazie

    Reply
    1. QuartAttenzione

      No, non lo sono. Così come queste non sono propriamente procedure ma una consapevolizzazione dei meccanismi legali utilizzati per rendere schiavo l’uomo venuto al mondo in piena-libertà e potere, legittimamente… 🙂

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *